A Trapani è ancora Festival tra passeggiate e visite

Dall’elegante Villa Aula, che torna ad aprire le sue porte, all’amatissimo Castello della Colombaia. Torna anche il tour di Luigi Biondo tra mito e storia

di Marco Russo

Un’ultima “coda settembrina” del Festival arricchirà il primo weekend di ottobre. In un’ideale staffetta le città protagoniste della prima parte de Le Vie dei Tesori che si è appena conclusa, passeranno il testimone alle nuove, recuperando e programmando visite, passeggiate e esperienze, alcune delle quali rinviate per il maltempo dei giorni scorsi.

Interni di Villa Aula

C’è ancora tempo, dunque, per un ultimo scampolo di Festival a Trapani, dove a grande richiesta, domenica prossima 4 ottobre, dalle 10 alle 18, aprirà ancora le sue porte l’elegante Villa Aula (qui per prenotare i coupon). In tanti hanno visitato, negli scorsi weekend, la signorile residenza di fine Ottocento fatta edificare dall’architetto Gaspare Incagnone, amministratore delegato della famiglia Florio. Dunque, chi non è riuscito a farlo, potrà perdersi tra sale in stile impero, salotti barocchi, arredi di gusto neoclassico e Liberty, ammirando le splendide vetrate di Bevilacqua e Gregorietti.

Passeggiata condotta da Luigi Biondo

Sempre nella città falcata, domenica alle 10, si replica la passeggiata d’autore tra storia e mito condotta da Luigi Biondo (qui per prenotare), a lungo direttore del Polo regionale per i siti culturali trapanesi e oggi direttore del Museo Riso di Palermo. Il tour, che inizia dalla Torre di Ligny, parte dalle origini mitologiche della città, per poi proseguire nel medioevo e nel barocco fino ai giorni nostri .

La Colombaia

Infine, ancora pochi posti disponibili per la gettonatissima esperienza al Castello della Colombaia, luogo da sempre più amato di Trapani. Sempre domenica, dalle 10 alle 18, si potrà ammirare, raggiungendola in barca, la fortezza che sorge su un’isoletta all’estremità orientale del porto (prenotazioni al numero 0918420000). Fortificazione sotto Carlo V, successivamente, tra il 1821 e il 1860, con i Borbone, venne destinata a carcere e rimase prigione fino alla costruzione del nuovo carcere in città, nel 1965: la visita comprende alcuni ambienti adibiti a celle, lo spazio per la mensa e per le cucine.

Sono, invece, già sold out gli altri eventi extra: i voli in piper sullo Stagnone di Marsala; le due passeggiate di Caltanissetta sulle orme dei minatori e nel quartiere degli Angeli, e il tour lungo l’antica via del Dromo a Messina.

Il prossimo weekend inizia la seconda parte del Festival nelle città di ottobre: Palermo, Monreale, Catania, Sciacca, Noto, Ragusa e Scicli. Per tutte le informazioni e prenotazioni sul visitare il sito www.leviedeitesori.com. È attivo, inoltre, il centro informazioni del Festival al numero 0918420000, aperto tutti i giorni dalle 10 alle 18, compresi il sabato e la domenica.

Articolo PrecedenteProssimo Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le Vie dei Tesori News

Send this to a friend