A Trapani è ancora Festival tra passeggiate e visite

Dall’elegante Villa Aula, che torna ad aprire le sue porte, all’amatissimo Castello della Colombaia. Torna anche il tour di Luigi Biondo tra mito e storia

di Marco Russo

Un’ultima “coda settembrina” del Festival arricchirà il primo weekend di ottobre. In un’ideale staffetta le città protagoniste della prima parte de Le Vie dei Tesori che si è appena conclusa, passeranno il testimone alle nuove, recuperando e programmando visite, passeggiate e esperienze, alcune delle quali rinviate per il maltempo dei giorni scorsi.

Interni di Villa Aula

C’è ancora tempo, dunque, per un ultimo scampolo di Festival a Trapani, dove a grande richiesta, domenica prossima 4 ottobre, dalle 10 alle 18, aprirà ancora le sue porte l’elegante Villa Aula (qui per prenotare i coupon). In tanti hanno visitato, negli scorsi weekend, la signorile residenza di fine Ottocento fatta edificare dall’architetto Gaspare Incagnone, amministratore delegato della famiglia Florio. Dunque, chi non è riuscito a farlo, potrà perdersi tra sale in stile impero, salotti barocchi, arredi di gusto neoclassico e Liberty, ammirando le splendide vetrate di Bevilacqua e Gregorietti.

Passeggiata condotta da Luigi Biondo

Sempre nella città falcata, domenica alle 10, si replica la passeggiata d’autore tra storia e mito condotta da Luigi Biondo (qui per prenotare), a lungo direttore del Polo regionale per i siti culturali trapanesi e oggi direttore del Museo Riso di Palermo. Il tour, che inizia dalla Torre di Ligny, parte dalle origini mitologiche della città, per poi proseguire nel medioevo e nel barocco fino ai giorni nostri .

La Colombaia

Infine, ancora pochi posti disponibili per la gettonatissima esperienza al Castello della Colombaia, luogo da sempre più amato di Trapani. Sempre domenica, dalle 10 alle 18, si potrà ammirare, raggiungendola in barca, la fortezza che sorge su un’isoletta all’estremità orientale del porto (prenotazioni al numero 0918420000). Fortificazione sotto Carlo V, successivamente, tra il 1821 e il 1860, con i Borbone, venne destinata a carcere e rimase prigione fino alla costruzione del nuovo carcere in città, nel 1965: la visita comprende alcuni ambienti adibiti a celle, lo spazio per la mensa e per le cucine.

Sono, invece, già sold out gli altri eventi extra: i voli in piper sullo Stagnone di Marsala; le due passeggiate di Caltanissetta sulle orme dei minatori e nel quartiere degli Angeli, e il tour lungo l’antica via del Dromo a Messina.

Il prossimo weekend inizia la seconda parte del Festival nelle città di ottobre: Palermo, Monreale, Catania, Sciacca, Noto, Ragusa e Scicli. Per tutte le informazioni e prenotazioni sul visitare il sito www.leviedeitesori.com. È attivo, inoltre, il centro informazioni del Festival al numero 0918420000, aperto tutti i giorni dalle 10 alle 18, compresi il sabato e la domenica.

Condividi
Tags

In evidenza

Ho scelto il Sud, comprano un mulino a pietra e tornano alla terra: la scommessa di due giovani agricoltori

Mauro Calvagna e Rosario Claudio La Placa sono due quarantenni di Belpasso che hanno fondato una società agricola, puntando sugli insegnamenti e l’esperienza delle rispettive famiglie

Tutto pronto a Taormina per il restauro della tomba romana La Guardiola

Consegnati i lavori per gli interventi di recupero del monumento sepolcrale all’interno del giardino dell’hotel Villa Fiorita. La sepoltura fa parte di un vasto complesso che risale al Primo secolo dopo Cristo 

Si vota per il concorso Art Bonus 2023: ecco i progetti siciliani in gara

Si potrà scegliere tra i beneficiari dei fondi donati dai mecenati a sostegno della cultura. Nell’Isola selezionati gli interventi per il Teatro Greco di Siracusa, il Massimo di Palermo e l’Accademia Filarmonica di Messina

Ultimi articoli

Arriva Carnevale: la Sicilia in festa tra carri, musica e maschere

Da Termini Imerese ad Acireale e Sciacca, passando per Avola e Melilli, sono tantissime le città dell’Isola che portano avanti antiche tradizioni, animando piccole e grandi comunità

Tele in cerca d’autore: a Salemi svelato il mistero del “pittore senza opere”

Nella chiesa della Madonna degli Angeli custodita una preziosa pala d’altare dell'artista seicentesco Gabriele Cabrera e Cardona, finora attribuita ad un anonimo. Adesso sono due i dipinti firmati da questo maestro originario di Naro di cui poco si conosce

L’ex “fabbrica della luce” di Palermo diventa bene d’interesse culturale

Il complesso che un tempo ospitava la centrale elettrica Enel di via Cusmano, progettata dall’architetto Salvatore Li Volsi Palmigiano nel 1912, è stata sottoposta a vincolo poiché rappresenta “pregevole esempio di architettura industriale novecentesca legato alla storia della città”

Articoli correlati