A lezione di pupi da Mimmo Cuticchio: al via quattro laboratori gratuiti a Palermo

Il più celebre dei pupari diventa “professore” per un ciclo di incontri in quattro tesori della città. Si potranno apprendere i primi rudimenti di manovra e di gestualità. Si comincia al Castello di Maredolce

di Redazione

Mimmo Cuticchio

Lo ha fatto in Francia, lo ha fatto negli Stati Uniti, ma mai in Sicilia. Per la prima volta Mimmo Cuticchio, il più celebre dei pupari, il principale artefice della rifondazione dell’Opera dei Pupi, artista acclamato in tutto il mondo, diventa “professore” in quattro laboratori gratuiti in altrettanti tesori di Palermo, in collaborazione con la Fondazione Le Vie dei Tesori. Il primo si svolgerà dal 27 al 29 settembre al Castello di Maredolce.

Pupi di Cuticchio

Quattro laboratori ciascuno della durata di tre pomeriggi – dalle 15.30 alle 18.30 – per incontrare il Maestro, entrare nei segreti dell’Opera dei Pupi, apprendere i primi rudimenti di manovra e di gestualità. Un’occasione per conoscere dall’interno uno straordinario patrimonio di arte, di cultura, di tradizione riconosciuto dall’Unesco e di muovere i primi passi nella pratica sotto la guida diretta del caposcuola.

Mimmo Cuticchio nel suo laboratorio

“Quando ero giovane – racconta Mimmo Cuticchio, oggi 74 anni – a Palermo c’erano quindici teatri dei pupi, la gente faceva la coda e aspettava con ansia gli sviluppi della trama dei suoi personaggi preferiti. Dopo la crisi degli anni Sessanta, con l’abbandono del centro storico e la diffusione della tv, e dopo la riscoperta e la rivalutazione dell’Opera dei pupi negli ultimi venti anni, mi piace pensare di piantare di nuovo i primi semi di quest’arte antica dentro cui sono letteralmente nato, portato in fasce sulle tavole del palcoscenico del teatrino di mio padre, a Gela”.

Uno dei pupi

Mimmo Cuticchio guiderà i partecipanti in un percorso di creazione artistica – dalla manovra alla voce – e in questi giorni è al lavoro nel suo laboratorio di via Bara per preparare tutti i materiali necessari ai laboratori. Lo farà incrociando il pensiero critico dello scrittore e pedagogista Gianni Rodari, rielaborando quattro sue fiabe, una per ogni luogo. Il laboratorio è aperto a tutti i maggiorenni, con un limite di venti partecipanti.

Ma i laboratori potranno accogliere anche degli uditori-spettatori. Al termine di ogni percorso, ci sarà una restituzione al pubblico del lavoro fatto durante il percorso comune.

LE DATE E I LUOGHI 

27, 28, 29 settembre: Castello di Maredolce (Via Giafar), Brancaccio.
4, 5, 6 ottobre: Stand Florio (Via Messina Marine, 40), Romagnolo.
11, 12, 13 ottobre: Antiche Fornaci Maiorana (Via Cardinale Mariano Rampolla, 60), Acquasanta.
18, 19, 20 ottobre: Parco di Villa Pantelleria (Vicolo Pantelleria), Piana dei Colli.

Iscrizioni e informazioni alla mail pupi@figlidartecuticchio.com Iscrizioni al primo laboratorio entro venerdì 23 settembre.

Condividi
Tags

In evidenza

Porta Nuova e l’aula bunker subito sold out per Le Vie dei Tesori

Apre per la prima volta al pubblico Porta Nuova, si entra nel carcere Ucciardone e nell’aula bunker con i cronisti che seguirono il maxiprocesso, si scopre il Gasometro, ma anche tre chiese inedite con le loro storie. Tante passeggiate e visite teatralizzate tra nobili dame e cortigiane

Le Vie dei Tesori svelano Palermo, tutto il meglio del secondo weekend

Aprono la Banca d’Italia, le sorgenti del Gabriele e i serbatoi di San Ciro, la Specola astronomica, il Convitto Nazionale e la caserma Ruggero Settimo. Rivivono Margheritina nel rifugio Bombace e Margherita Biondo in una tela

Le Vie dei Tesori sfiora trentamila visite nel primo weekend di ottobre

Ricco fine settimana del festival in dieci città. Palermo arriva quasi a 19mila visitatori mentre le altre insieme superano i 10mila. Santa Caterina il luogo più amato nel capoluogo, seguita dal Politeama. Il lavatoio medievale di Cefalù supera i 500 visitatori. In tanti anche a Trapani e Termini Imerese che hanno aggiunto due giorni in più

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori a Alcamo tra castelli e torri, tutto pronto per il secondo weekend

Preso d'assalto nel primo fine settimana, si sale fino al Castello di Calatubo, quasi inaccessibile, e si visita quello dei Conti di Modica. Aprono sette luoghi tra cui chiese, musei, torri e un’antichissima cuba

Dalla villa con i bozzetti di Zeffirelli alle terrazze sull’Etna, Catania e Acireale al secondo weekend

Si visita Villa Di Bella a Viagrande, dove il regista soggiornò e donò alla proprietaria i suoi disegni di scena per "Cavalleria Rustica". Apre Castello Ursino e si sale sul camminamento di San Nicolò l'Arena. A Acireale, tra chiese e palazzi sfarzosi

Le Vie dei Tesori a Ragusa e Scicli: secondo weekend tra cave, palazzi e chiese

Nel Duomo del capoluogo esposte le opere sopravvissute al sisma e si sale sul campanile di San Giovanni Battista. A Scicli, terza città più visitata del festival dopo Palermo e Catania, apre Palazzo Busacca e proseguono le visite al Municipio, set del Commissario Montalbano

Articoli correlati