A lezione di felicità col maestro buddista Tsenshab Serkong Rinpoce

Il giovane lama sarà a Palermo per una tre giorni organizzata dal Centro Muni Gyana, preceduta da una conferenza aperta che si svolgerà ai Cantieri Culturali alla Zisa

di Redazione

È considerato una delle più interessanti personalità del buddhismo tibetano. Il giovane lama Tsenshab Serkong Rinpoce sarà a Palermo per una conferenza aperta alla città dal titolo “L’arte della felicità”, che si svolgerà il prossimo 30 novembre alle 18, nella sede del Circolo Arci Tavola Tonda ai Cantieri Culturali alla Zisa.

L’iniziativa è organizzata dal Centro buddhista Muni Gyana che ospiterà Rinpoce fino al 4 dicembre. E nella sede del centro sulla collina di Pizzo Sella che sovrasta Mondello, dal 2 al 4 dicembre il maestro buddhista sarà impegnato in una tre-giorni di insegnamenti sui “Tre principali aspetti del Sentiero”. Sabato, 3 dicembre, chi lo desidera potrà partecipare alla cerimonia della presa di rifugio e dei voti laici.

La locandina della conferenza

Classe 1984, Tsenshab Serkong Rinpoce, quando aveva appena due anni, indicò la foto dell’allora recentemente scomparso vice tutore del XIV Dalai Lama, Tenzin Gyatso, esclamando: “Sono io!”. Il giovane lama è, infatti, riconosciuto come la reincarnazione del precedente Tsenshab Serkong Rinpoce, uno dei sette insegnanti dell’attuale Dalai Lama, al quale gli autori di “Guerre Stellari” si sono ispirati per il personaggio di Yoda, Gran Maestro del Consiglio Jedi.

Rinpoce si è formato presso il monastero buddhista di Gaden Jangtse, nell’India meridionale e, dopo aver deciso di continuare la sua pratica del Dharma come laico, ha completato la sua formazione sempre in India, presso l’Istituto di dialettica buddhista di Dharamsala, sede dell’attuale governo tibetano in esilio. Su consiglio del Dalai Lama, ha completato in Canada due anni di studio intensivo della lingua inglese e, attualmente, sta continuando la sua formazione di alti studi buddhisti.

“Il Centro buddhista Muni Gyana di Palermo – dice il direttore Marco Farina – con la visita di Tsenshab Serkong Rinpoce che ha accettato il nostro invito dello scorso luglio in India, riapre alla città dopo il lungo periodo di pandemia. E lo fa con l’intento di condividere con il maggior numero possibile di persone, i preziosi insegnamenti di questo giovane maestro altamente qualificato. Un’opportunità che ci permette di continuare a custodire il profondo patrimonio di insegnamenti buddhisti che si tramanda da secoli nell’ambito della nostra tradizione; un patrimonio culturale che permetterà agli studenti di buddhismo e a chiunque lo desideri, di approfondire il prezioso universo costituito dal buddhismo tibetano. Data l’enorme importanza dell’evento legato alla presenza di Rinpoce, il Centro Muni Gyana si occuperà anche di facilitare l’ospitalità di coloro che arriveranno da fuori città”.

Per informazioni e per partecipare ai tre giorni di insegnamenti: 327 0383805 o compilare il form cliccando qui.

Condividi
Tags

In evidenza

La Casa delle Farfalle torna a Siracusa

Il progetto di divulgazione naturalistica dal 14 febbraio sarà nuovamente ospitato all’interno del giardino dell’Artemision in piazza Duomo a Ortigia. Esperti a disposizione durante la visita spiegano il ciclo di vita degli insetti, la loro riproduzione e l'habitat

Dall’inferno al paradiso per la biodiversità: viaggio nel Museo del Mare di Milazzo

Un polo espositivo unico che nasce attorno allo scheletro di un capodoglio rimasto impigliato in una rete da pesca illegale. Un percorso educativo ambientale lungo tre livelli che richiamano i gironi danteschi

Si vota per il concorso Art Bonus 2023: ecco i progetti siciliani in gara

Si potrà scegliere tra i beneficiari dei fondi donati dai mecenati a sostegno della cultura. Nell’Isola selezionati gli interventi per il Teatro Greco di Siracusa, il Massimo di Palermo e l’Accademia Filarmonica di Messina

Ultimi articoli

Si vota per il concorso Art Bonus 2023: ecco i progetti siciliani in gara

Si potrà scegliere tra i beneficiari dei fondi donati dai mecenati a sostegno della cultura. Nell’Isola selezionati gli interventi per il Teatro Greco di Siracusa, il Massimo di Palermo e l’Accademia Filarmonica di Messina

Palermo, Sorgenti del Gabriele

Un piacevole senso di frescura e il gorgoglio dell’acqua accolgono il visitatore che, a Palermo,  raggiunge le sorgenti naturali ai piedi della “conigliera”, oggi...

Acireale, una mostra racchiude le opere dei Gagini nel territorio etneo

Nel Palazzo Comunale un percorso espositivo che unisce Sicilia, Calabria e Bissone, terra di origine di Domenico Gagini, capostipite della famiglia di artisti e protagonista di un “approdo” che favorì l'interscambio tra sperimentazioni d'arte nel Rinascimento

Articoli correlati