A Lentini il sogno di un museo dei sensi oltre tutte le barriere

Lanciata una raccolta fondi per rendere accessibile il Parco urbano d’arte con allestimenti tattili e percettivi all’insegna dell’inclusione sociale. Previste barre sonore, ologrammi col linguaggio dei segni e visori 3D

di Guido Fiorito

“Avendo gran disio, dipinsi una pintura…”. Sembra che Jacopo da Lentini, il Notaro, avesse previsto tutto quasi ottocento anni fa. Perché nella cittadina in provincia di Siracusa ma a sud della piana di Catania, c’è chi punta sulla pittura e l’arte contemporanea per quella che si definisce rigenerazione urbana, per l’inclusione sociale e per attirare turisti. Dal 2017, anche attraverso le residenze di artisti, gruppi di case si sono ricoperte di opere di street art. Edifici pubblici o privati, spazi a cielo aperto, spesso inospitali e dimenticati.

“Le porte del paradiso”, Angelo Bramanti

Sono ben trentotto i muri dipinti che formano un Parco urbano d’arte, nell’antico quartiere di Badia, costruito attorno alla chiesa della Santissima Trinità. L’anno scorso la cittadina ha festeggiato i 2.750 dalla fondazione greca. Rimane un monumentale tetragramma (moneta) dell’antica Leontinoi, realizzato in pietra da Gianni Andolina, che dà il benvenuto ai visitatori nella nuova rotatoria d’ingresso in via Etnea.

Il progetto del Museo tattile e percettivo

Dietro queste iniziative c’è la cooperativa Badia Lost & Found, associazione che tra l’altro ha promosso la riqualificazione del palazzo Beneventano. Adesso c’è un altro progetto, per il quale la cooperativa chiede l’aiuto di tutti. L’obiettivo è di rendere accessibile il Parco urbano d’arte con un Museo tattile e percettivo. A questo fine è stata aperta una raccolta di fondi, in inglese crowdfunding, su GoFundMe, che si pone l’obiettivo di raccogliere 43.500 euro (qui per donare).

La terrazza di Badia con il panorama di Lentini

“A questi fondi, per completare il progetto – dice Giorgio Franco, fondatore e direttore della cooperativa – aggiungeremo dei soldi nostri. Faremo un resoconto trasparente di tutte le somme che saranno donate. Ci saranno elementi innovativi, per esempio useremo ologrammi con il linguaggio dei segni per i non udenti. Saranno coinvolti tutti e cinque i sensi, in particolare gli aspetti tattili. Molte opere sono irraggiungibili ai disabili, perché sorgono vicino a scalinate che le carrozzine a rotelle non possono affrontare. L’arte è di tutti, bisogna rispettare il principio dell’inclusione sociale”.

“Synopsis” di Gui Zagonel

In particolare, l’area tattile ospiterà la riproduzione di tutte le opere murali attraverso tavolette in rilievo, con didascalie in Braille. Barre sonore orienteranno il visitatore. Gli ologrammi saranno proiettati in un’area multimediale. In un altro spazio sarà possibile vedere le opere con visori di realtà virtuale. Sarà realizzato anche un ascensore per persone con disabilità motoria per raggiungere il piano superiore dei locali di un magazzino di fronte a Palazzo Beneventano da utilizzare come spazio espositivo. Ciascun donatore potrà partecipare a un concorso per stabilire il nome e l’acronimo da dare al nascente Museo tattile e percettivo. Tra tutte quelle fornite saranno scelte tre soluzioni e quella definitiva passerà da un sondaggio tra i cittadini. L’ideatore vittorioso sarà ospite d’onore alla cerimonia di apertura.

“Snoda e Fai” di Lorena Fisicaro

“Come i bagagli lost and found in aeroporto – dice Giorgio Franco – noi cerchiamo di ritrovare e restituire i bagagli smarriti della cultura, le memorie perdute, con opere legate alla tradizione ma realizzate con i linguaggi dell’arte contemporanea. Il fine è lo sviluppo e la crescita del nostro territorio, rendendolo più ospitale e attraente”.

 

“Festa per Incontro al lago” di Nina Valkhoff
Condividi
Tags

In evidenza

Mazara del Vallo raccontata in un libro tra immagini e parole

Scorci, riti e tradizioni della città trapanese in un volume di Giovanni Franco e Nicola Cristaldi. Dai vicoli della Casbah al mercato del pesce, dalle spiagge ritrovate alle chiese

Porta Nuova e l’aula bunker subito sold out per Le Vie dei Tesori

Apre per la prima volta al pubblico Porta Nuova, si entra nel carcere Ucciardone e nell’aula bunker con i cronisti che seguirono il maxiprocesso, si scopre il Gasometro, ma anche tre chiese inedite con le loro storie. Tante passeggiate e visite teatralizzate tra nobili dame e cortigiane

Le Vie dei Tesori svela Catania e Acireale per cinque weekend

Diciannove luoghi nel capoluogo più altri sette nella vicina città alle pendici dell'Etna. Tantissime esperienze fuoriporta, quattro imperdibili passeggiate. Dalle chiese alla luce delle candele alle tombe romane, dai mastri d’ascia alle artiste della cartapesta, dai tour rurali ai giardini tropicali

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori sfiora trentamila visite nel primo weekend di ottobre

Ricco fine settimana del festival in dieci città. Palermo arriva quasi a 19mila visitatori mentre le altre insieme superano i 10mila. Santa Caterina il luogo più amato nel capoluogo, seguita dal Politeama. Il lavatoio medievale di Cefalù supera i 500 visitatori. In tanti anche a Trapani e Termini Imerese che hanno aggiunto due giorni in più

Stefania Blandeburgo si fa in cinque per Le Vie dei Tesori

Sono cinque i personaggi che l'attrice Stefania Blandeburgo interpreta per la sedicesima edizione delle Vie dei Tesori a Palermo: ognuno rivive nei suoi abiti d’epoca, con una storia da raccontare

Nell’aula bunker il racconto del Maxiprocesso con cronisti e magistrati

Il Maxiprocesso dalla voce di chi c’era: i cronisti di mafia e i magistrati raccontano quei mesi. Apre al pubblico durante il festival Le Vie dei Tesori l'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo. Al primo weekend pieno di visitatori sono intervenuti: il giudice Giuseppe Ayala, il videomaker Giuseppe Di Lorenzo e l’allora cronista di giudiziaria Marcello Barbaro

Articoli correlati