A Bagheria arriva la biblioteca a 4 ruote

 È una curiosa roulotte multimediale pensata per aumentare l’inclusione sociale nelle periferie e invogliare i ragazzi alla lettura. Il progetto fu presentato alla Biennale di Venezia

di Antonella Lombardi

Se il lettore non va dai libri, i libri vanno al lettore, specialmente in periferia. Il senso di “BiblioHub”, la particolare biblioteca su ruote, è proprio questo: portare informazione, cultura e socialità dove è più difficile, coadiuvati dalle moderne tecnologie. Nel veicolo, che si espande all’esterno, una piattaforma multimediale dà informazioni, con un hotspot per connettersi in wi fi e un laboratorio ludico per bambini. All’interno è possibile prendere in prestito libri ed e-books, o scaricarli con un codice Qr o, ancora, scambiarli con il bookcrossing. L’obiettivo è aumentare l’inclusione e la coesione sociale riappropriandosi delle periferie e limitando l’isolamento crescente dovuto all’uso dei social media, all’interno dei quali tanti ragazzi preferiscono rifugiarsi.

A progettare il mezzo è stata la “Alterstudio Partners” per l’Associazione Italiana Biblioteche (AIB) nell’ambito dell’iniziativa “Periferie in Azione”, un progetto presentato al Padiglione Italia alla Mostra internazionale di architettura della Biennale di Venezia del 2016, e sostenuto dalla Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane (DGAAP) del ministero dei Beni culturali per la mostra “Taking Care. Progettare per il bene comune”, curata da TAMassociati. Per realizzarlo è stata lanciata una campagna di ‪crowdfunding‬ civico, che ha coinvolto, insieme a sponsor privati, la rete delle biblioteche nazionali.

Prima tappa il quartiere Famagosta a Milano, poi altre periferie di Italia, Foggia, Torino, Roma e ora nel suo percorso BiblioHub ha fatto tappa il 23 luglio a Canicattini Bagni (Sr) e ora a Bagheria, dove resterà fino al al 14 settembre. La curiosa roulotte si trova all’ Istituto comprensivo Carducci di Bagheria (PA) e il 22 settembre sarà a Roma, in tempo per il Bibliopride, la Giornata nazionale delle biblioteche. All’inaugurazione a Bagheria hanno partecipato la dirigente della scuola Carducci, Carmen Tripoli, la presidente del consiglio di istituto, Angela Russo, la dottoressa Maria Grazia Sapienza di AIB Sicilia, il sindaco di Bagheria, Patrizio Cinque, e l’assessore regionale all’Istruzione e formazione professionale Roberto Lagalla.

Presidio di partecipazione, pensato per aumentare il “capitale sociale” di un territorio e costruire comunità, la BiblioHub riporta proprio per questo su uno dei lati l’immagine incisa a laser nella lamiera microforata retro-illuminata alcuni volti: un disegno dell’illustratore Guido Scarabottolo, che ha rielaborato gli autoritratti fatti da un centinaio di utenti in un workshop in una biblioteca di Milano, organizzato ad hoc per la Biennale.

Tra i prossimi appuntamenti ci saranno corsi AIB di lettura attraverso le immagini, bibliogame, incontri con scrittori, book crossing, incontri con le scuole del territorio e con i bibliotecari del comune di Bagheria.

 È una curiosa roulotte multimediale pensata per aumentare l’inclusione sociale nelle periferie e invogliare i ragazzi alla lettura. Il progetto fu presentato alla Biennale di Venezia

di Antonella Lombardi

Se il lettore non va dai libri, i libri vanno al lettore, specialmente in periferia. Il senso di “BiblioHub”, la particolare biblioteca su ruote, è proprio questo: portare informazione, cultura e socialità dove è più difficile, coadiuvati dalle moderne tecnologie. Nel veicolo, che si espande all’esterno, una piattaforma multimediale dà informazioni, con un hotspot per connettersi in wi fi e un laboratorio ludico per bambini. All’interno è possibile prendere in prestito libri ed e-books, o scaricarli con un codice Qr o, ancora, scambiarli con il bookcrossing. L’obiettivo è aumentare l’inclusione e la coesione sociale riappropriandosi delle periferie e limitando l’isolamento crescente dovuto all’uso dei social media, all’interno dei quali tanti ragazzi preferiscono rifugiarsi.

A progettare il mezzo è stata la “Alterstudio Partners” per l’Associazione Italiana Biblioteche (AIB) nell’ambito dell’iniziativa “Periferie in Azione”, un progetto presentato al Padiglione Italia alla Mostra internazionale di architettura della Biennale di Venezia del 2016, e sostenuto dalla Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane (DGAAP) del ministero dei Beni culturali per la mostra “Taking Care. Progettare per il bene comune”, curata da TAMassociati. Per realizzarlo è stata lanciata una campagna di ‪crowdfunding‬ civico, che ha coinvolto, insieme a sponsor privati, la rete delle biblioteche nazionali.

Prima tappa il quartiere Famagosta a Milano, poi altre periferie di Italia, Foggia, Torino, Roma e ora nel suo percorso BiblioHub ha fatto tappa il 23 luglio a Canicattini Bagni  e ora a Bagheria, dove resterà fino al al 14 settembre. La curiosa roulotte si trova all’ Istituto comprensivo Carducci di Bagheria  e il 22 settembre sarà a Roma, in tempo per il Bibliopride, la Giornata nazionale delle biblioteche. All’inaugurazione a Bagheria hanno partecipato la dirigente della scuola Carducci, Carmen Tripoli, la presidente del consiglio di istituto, Angela Russo, la dottoressa Maria Grazia Sapienza di AIB Sicilia, il sindaco di Bagheria, Patrizio Cinque, e l’assessore regionale all’Istruzione e formazione professionale Roberto Lagalla.

Presidio di partecipazione, pensato per aumentare il “capitale sociale” di un territorio e costruire comunità, la BiblioHub riporta proprio per questo su uno dei lati l’immagine incisa a laser nella lamiera microforata retro-illuminata alcuni volti: un disegno dell’illustratore Guido Scarabottolo, che ha rielaborato gli autoritratti fatti da un centinaio di utenti in un workshop in una biblioteca di Milano, organizzato ad hoc per la Biennale.

Tra i prossimi appuntamenti ci saranno corsi AIB di lettura attraverso le immagini, bibliogame, incontri con scrittori, book crossing, incontri con le scuole del territorio e con i bibliotecari del comune di Bagheria.

Condividi
Tags

In evidenza

Monete, sigilli e medaglie del Salinas rivivranno in digitale

Presentato il progetto di digitalizzazione della collezione numismatica custodita nel museo archeologico di Palermo. Un patrimonio che, oltre al nucleo greco, comprende pezzi islamici, bizantini e normanni

A Cefalù si celebra il centenario dell’archeologo Sabatino Moscati

Giornata di studi organizzata dal Comune e dalla sede locale dell'Archeoclub per ricordare il celebre studioso che, tra l'altro, contribuì alla realizzazione del museo di Mozia e condusse diversi scavi nell’isola

Il grande Ficus dell’Orto botanico di Palermo trionfa al concorso Albero dell’anno

Lo storico esemplare è attualmente al primo posto dell’edizione 2022 nella competizione organizzata dalla Giant Trees Foundation Onlus. Alto 25 metri per forma e dimensioni può essere considerato l’albero con la chioma più grande d’Europa

Ultimi articoli

Svelato il soffitto trecentesco del monastero di Santa Caterina

Nascosto al di sopra della volta della sacrestia, un prezioso tetto ligneo decorato simile a quello dello Steri. Si può ammirare attraverso una app realizzata dall’Università di Palermo. Esposto anche un raro affresco medievale scoperto durante il restauro

A lezione di felicità col maestro buddista Tsenshab Serkong Rinpoce

Il giovane lama sarà a Palermo per una tre giorni organizzata dal Centro Muni Gyana, preceduta da una conferenza aperta che si svolgerà ai Cantieri Culturali alla Zisa

La Palermo degli anni Trenta rivive in una mostra

All’Albergo delle Povere un allestimento racconta la città di un secolo fa attraverso oggetti originali, filmati storici, pannelli esplicativi e ricostruzioni tridimensionali

Articoli correlati