Palermo diventa capitale italiana dello yoga

Ai Cantieri Culturali alla Zisa un fine settimana dedicato all’antica disciplina orientale. Prevista la partecipazione di esperti e insegnanti, con esercitazioni e lezioni teoriche

di Redazione

Un lungo weekend dedicato allo yoga, con diversi studiosi di discipline orientali e docenti di varie formazioni provenienti da ogni parte d’Italia. È il convegno “Lo Yoga per la pace”, che si svolgerà nello Spazio Tre Navate dei Cantieri Culturali alla Zisa di Palermo, da venerdì 12 a domenica 14 aprile.

Durante la tre-giorni ci si soffermerà, come tipico nella pratica dello yoga, sul singolo e sulle relazioni interpersonali più intime, nella consapevolezza che – secondo l’insegnamento – piccoli atti di pace nel microcosmo promuovano la pace anche nel macrocosmo. Saranno presenti diversi insegnanti di yoga che condurranno i partecipanti in alcuni esperimenti per testare gli effetti positivi della pratica: in particolare, saranno effettuati un esperimento per il miglioramento della vista e un esperimento per il miglioramento della memoria. Al convegno sarà, inoltre, presente la scuola “Operatore del Benessere Metamorfosys”, che offrirà a tutti i partecipanti massaggi rilassanti che, attraverso il tatto, promuovono l’incontro e la pace. “La Pace – spiegano ancora i responsabili dell’Associazione Metamorfosys – nasce da pensieri amorevoli, da parole cordiali sussurrate alle orecchie di chi ci è vicino, da atti di generosità incondizionata”.

Raffaella Bellen

Il convegno inizia venerdì 12 aprile, alle 17,30. Dopo i saluti di Adham Darawsha, assessore alle Culture del Comune di Palermo e di Francesco Lo Cascio, portavoce della Consulta della Pace del Comune, è in programma la relazione introduttiva di Raffaella Bellen, psicologa, psicoterapeuta, laureata in Scienze Motorie e fondatrice di Metamorfosys (“Perché lo Yoga per la Pace”). Seguiranno gli interventi di Giusto Picone, ordinario di Lingua e Letteratura latina (“Il linguaggio della Pace e lo sguardo che vede”), Cristina Siddiolo, antropologa (“La Pace e la battaglia nella Bhagavadgita”) e della stessa Raffaella Bellen (“Le parole di Pace: grazie e scusa”).

Sabato 13 aprile, i lavori inizieranno alle 9,30 e si svolgeranno al Cinema De Seta, con i saluti del sindaco di Palermo Leoluca Orlando e di Valentina Chinnici, presidente del Cidi Palermo. Quindi interverrà Raffaella Bellen, introducendo sull’Apprendimento imitativo della Pace e sviluppando quindi il tema “La Pace e le dinamiche di gruppo”. Intervengono Cristina Siddiolo (“Vivekananda e lo Yoga come via della comprensione”); Sergio Raimondo, docente di Discipline Orientali dell’Autopercezione all’Università di Cassino e del Lazio meridionale (“Marte per la Pace”); Pasquale D’Andrea, Garante per i diritti dell’infanzia e l’adolescenza del Comune di Palermo (“Strumenti e metodi per facilitare l’integrazione”).

Leoluca Orlando

Sabato pomeriggio i lavori riprendono alle 15 nello Spazio Tre Navate dei Cantieri culturali alla Zisa con uno spazio curato dagli allievi della Scuola Istruttori Yoga “Oriente-Occidente” dell’associazione Metamorfosys (“Lo yoga a coppie: io e l’altro”). L’incontro proseguirà con l’intervento di Clara Pangaro, direttore dell’Istituto Penale per Minorenni di Palermo e insegnante di yoga (“Yoga, un dono per la Pace: la pratica dello Yoga con i detenuti dell’Istituto penale per minorenni e con i giovani dell’area penale esterna presso il centro diurno polifunzionale di Palermo”). A seguire, ”Lo Yoga bambino per adulti”, pratica con gli allievi della Scuola Istruttori di Yoga “Oriente-Occidente” dell’associazione Metamorfosys insieme a Clara Pangaro, insegnante Yoga per bambini al Centro di Cultura Rishi. Quindi, intervento di Luciana Mangano, docente di Lingua Inglese, certificata leader di Yoga della risata (“Lo Yoga della Risata”). Alle 17,30 è in programma l’esibizione del gruppo AcroYoga, a cura di Roberto Onorato, insegnante di yoga. Al termine dell’esibizione ci sarà la divisione in gruppi per il concorso “Asana per la Pace”: esperimento pratico per la creazione della “posizione della Pace”. Alle 18,30, la premiazione dei concorsi “Asana per la Pace” e “Il saluto al rene”, che si sono svolti nel 2018 per gli allievi della scuola Istruttori di Yoga “Oriente-Occidente”. A seguire, l’intervento di Savitri, Insegnante di Educazione fisica e di Yoga (“Yoga come modo di vivere, di conoscere, di aiutare, di guardare, di insegnare”).

Domenica 14 aprile l’ultimo dei tre giorni comincerà alle 9,30 e avrà luogo nello Spazio tre Navate dei Cantieri Culturali alla Zisa. Interverranno Maurizio Morelli, fondatore della Libera Scuola di Hatha Yoga Hamsa (“La pratica dello Yoga per la Pace”); Ignazio Zocco, membro dello staff nazionale del movimento “Abbracci gratis Italia free hugs” (“La via dell’abbraccio”); Tiziana Marsala e Milena Benfante, fondatrici dell’Associazione Yantra (“Dal suono al respiro”); Giuppa Cassarà, internista e psicoterapeuta (“Proposta di lavoro con i rifugiati”). Dalle 14,20 alle 15, meditazione comunitaria “Le parole di Pace e gli effetti sull’acqua”.

L’ingresso al convegno è gratuito. Chi vuole usufruire delle lezioni gratuite di Yoga dovrà portare un apposito tappetino.

Ai Cantieri Culturali alla Zisa un fine settimana dedicato all’antica disciplina orientale. Prevista la partecipazione di esperti e insegnanti, con esercitazioni e lezioni teoriche

di Redazione

Un lungo weekend dedicato allo yoga, con diversi studiosi di discipline orientali e docenti di varie formazioni provenienti da ogni parte d’Italia. È il convegno “Lo Yoga per la pace”, che si svolgerà nello Spazio Tre Navate dei Cantieri Culturali alla Zisa di Palermo, da venerdì 12 a domenica 14 aprile.

Durante la tre-giorni ci si soffermerà, come tipico nella pratica dello yoga, sul singolo e sulle relazioni interpersonali più intime, nella consapevolezza che – secondo l’insegnamento – piccoli atti di pace nel microcosmo promuovano la pace anche nel macrocosmo. Saranno presenti diversi insegnanti di yoga che condurranno i partecipanti in alcuni esperimenti per testare gli effetti positivi della pratica: in particolare, saranno effettuati un esperimento per il miglioramento della vista e un esperimento per il miglioramento della memoria. Al convegno sarà, inoltre, presente la scuola “Operatore del Benessere Metamorfosys”, che offrirà a tutti i partecipanti massaggi rilassanti che, attraverso il tatto, promuovono l’incontro e la pace. “La Pace – spiegano ancora i responsabili dell’Associazione Metamorfosys – nasce da pensieri amorevoli, da parole cordiali sussurrate alle orecchie di chi ci è vicino, da atti di generosità incondizionata”.

Raffaella Bellen

Il convegno inizia venerdì 12 aprile, alle 17,30. Dopo i saluti di Adham Darawsha, assessore alle Culture del Comune di Palermo e di Francesco Lo Cascio, portavoce della Consulta della Pace del Comune, è in programma la relazione introduttiva di Raffaella Bellen, psicologa, psicoterapeuta, laureata in Scienze Motorie e fondatrice di Metamorfosys (“Perché lo Yoga per la Pace”). Seguiranno gli interventi di Giusto Picone, ordinario di Lingua e Letteratura latina (“Il linguaggio della Pace e lo sguardo che vede”), Cristina Siddiolo, antropologa (“La Pace e la battaglia nella Bhagavadgita”) e della stessa Raffaella Bellen (“Le parole di Pace: grazie e scusa”).

Sabato 13 aprile, i lavori inizieranno alle 9,30 e si svolgeranno al Cinema De Seta, con i saluti del sindaco di Palermo Leoluca Orlando e di Valentina Chinnici, presidente del Cidi Palermo. Quindi interverrà Raffaella Bellen, introducendo sull’Apprendimento imitativo della Pace e sviluppando quindi il tema “La Pace e le dinamiche di gruppo”. Intervengono Cristina Siddiolo (“Vivekananda e lo Yoga come via della comprensione”); Sergio Raimondo, docente di Discipline Orientali dell’Autopercezione all’Università di Cassino e del Lazio meridionale (“Marte per la Pace”); Pasquale D’Andrea, Garante per i diritti dell’infanzia e l’adolescenza del Comune di Palermo (“Strumenti e metodi per facilitare l’integrazione”).

Leoluca Orlando

Sabato pomeriggio i lavori riprendono alle 15 nello Spazio Tre Navate dei Cantieri culturali alla Zisa con uno spazio curato dagli allievi della Scuola Istruttori Yoga “Oriente-Occidente” dell’associazione Metamorfosys (“Lo yoga a coppie: io e l’altro”). L’incontro proseguirà con l’intervento di Clara Pangaro, direttore dell’Istituto Penale per Minorenni di Palermo e insegnante di yoga (“Yoga, un dono per la Pace: la pratica dello Yoga con i detenuti dell’Istituto penale per minorenni e con i giovani dell’area penale esterna presso il centro diurno polifunzionale di Palermo”). A seguire, ”Lo Yoga bambino per adulti”, pratica con gli allievi della Scuola Istruttori di Yoga “Oriente-Occidente” dell’associazione Metamorfosys insieme a Clara Pangaro, insegnante Yoga per bambini al Centro di Cultura Rishi. Quindi, intervento di Luciana Mangano, docente di Lingua Inglese, certificata leader di Yoga della risata (“Lo Yoga della Risata”). Alle 17,30 è in programma l’esibizione del gruppo AcroYoga, a cura di Roberto Onorato, insegnante di yoga. Al termine dell’esibizione ci sarà la divisione in gruppi per il concorso “Asana per la Pace”: esperimento pratico per la creazione della “posizione della Pace”. Alle 18,30, la premiazione dei concorsi “Asana per la Pace” e “Il saluto al rene”, che si sono svolti nel 2018 per gli allievi della scuola Istruttori di Yoga “Oriente-Occidente”. A seguire, l’intervento di Savitri, Insegnante di Educazione fisica e di Yoga (“Yoga come modo di vivere, di conoscere, di aiutare, di guardare, di insegnare”).

Domenica 14 aprile l’ultimo dei tre giorni comincerà alle 9,30 e avrà luogo nello Spazio tre Navate dei Cantieri Culturali alla Zisa. Interverranno Maurizio Morelli, fondatore della Libera Scuola di Hatha Yoga Hamsa (“La pratica dello Yoga per la Pace”); Ignazio Zocco, membro dello staff nazionale del movimento “Abbracci gratis Italia free hugs” (“La via dell’abbraccio”); Tiziana Marsala e Milena Benfante, fondatrici dell’Associazione Yantra (“Dal suono al respiro”); Giuppa Cassarà, internista e psicoterapeuta (“Proposta di lavoro con i rifugiati”). Dalle 14,20 alle 15, meditazione comunitaria “Le parole di Pace e gli effetti sull’acqua”.

L’ingresso al convegno è gratuito. Chi vuole usufruire delle lezioni gratuite di Yoga dovrà portare un apposito tappetino.

Hai letto questi articoli?
Articolo PrecedenteProssimo Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le vie dei Tesori News

Send this to a friend