Mozia si fa ancora più bella, restauro in arrivo

L’isola è protagonista di un intervento riqualificazione da 4 milioni e mezzo finanziato dal Po Fesr Sicilia. Pronto il bando per i mosaici

di Marco Russo

È un piccolo lembo di terra che affiora dal mare, con dentro un grande tesoro di storia e natura. L’isola di San Pantaleo, che un tempo ospitava, l’antica colonia fenicia di Mozia, nello Stagnone di Marsala, racchiude nei suoi 45 ettari, preziose testimonianze archeologiche: dal cothon, raro esempio di bacino di ormeggio punico, alla strada punica sommersa; dal tophet, l’area sacra per i sacrifici umani, alla necropoli, ai mosaici, fino all’elegante statua del Giovinetto, conservata al Museo Whithaker.

La necropoli

Oggi Mozia è protagonista di un intervento di riqualificazione e valorizzazione con un progetto finanziato dal Po Fesr Sicilia 2014-2020. Un intervento da 4 milioni e mezzo di euro complessivi, finalizzato al restauro archeologico e alla riqualificazione ambientale e paesaggistica, con l’obiettivo di promuovere lo sviluppo sostenibile nel settore turistico-culturale. L’intervento è suddiviso in tre parti: si comincia dai lavori di rilevamento topografico (già appaltati attraverso una manifestazione di interesse con base d’asta di 199.867 euro), per proseguire con la realizzazione di percorsi, sistemazione del verde e degli arredi esterni e l’attivazione della rete dati wi-fi (anche questi già appaltati con base d’asta di 999.700 euro), per finire con i lavori di restauro archeologico, attualmente in fase di appalto, con un bando che scadrà il 6 maggio prossimo.

Porta Sud

Lo scorso marzo la Soprintendenza per i Beni culturali di Trapani, beneficiaria del progetto, ha avviato la procedura di gara telematica per i lavori di restauro conservativo delle strutture archeologiche, con una base d’asta di 2.165.252 euro. Il restauro è incentrato sui mosaici presenti nell’isola, sulle strutture murarie in calcarenite e in mattoni crudi, spesso preservate per almeno un metro di altezza. Dal Tofet alla necropoli, dal Santuario di Cappiddazzu alla Casa dei mosaici, dalla casermetta alla Porta del Sud e al Khoton, i lavori saranno legati alla riqualificazione anche del paesaggio isolano, con la sistemazione dei percorsi di visita, migliorando i sentieri in terra battuta e creando un’adeguata segnaletica relativa non solo ai siti archeologici, ma anche alla fauna e alla flora.

Il Giovinetto

Alle esigenze di protezione e tutela di alcuni monumenti archeologici, particolarmente esposti alle intemperie, saranno coniugate quelle della produzione di energia da fonti rinnovabili: si prevede, infatti, la realizzazione di nuove coperture archeologiche. Il progetto prevede poi la predisposizione di un archivio informatico su base cartografica per la gestione dei dati archeologici territoriali, che possa funzionare da piattaforma per la comunicazione su vasta scala delle informazioni prodotte nell’ambito delle attività di ricerca archeologica sull’isola.

È previsto, infine, il posizionamento in punti strategici di alcuni cannocchiali Focus, per l’osservazione naturale assistita, con relativa banca dati ipermediale multilingue. Sarà attivato, infine, un servizio di bike-sharing, con due tipologie di mezzi, la classica bici a pedali e quella a pedalata assistita, tutte dotate di antenna gps ed equipaggiate con telecamera Gopro.

L’isola è protagonista di un intervento riqualificazione da 4 milioni e mezzo finanziato dal Po Fesr Sicilia. Pronto il bando per i mosaici

di Marco Russo

È un piccolo lembo di terra che affiora dal mare, con dentro un grande tesoro di storia e natura. L’isola di San Pantaleo, che un tempo ospitava, l’antica colonia fenicia di Mozia, nello Stagnone di Marsala, racchiude nei suoi 45 ettari, preziose testimonianze archeologiche: dal cothon, raro esempio di bacino di ormeggio punico, alla strada punica sommersa; dal tophet, l’area sacra per i sacrifici umani, alla necropoli, ai mosaici, fino all’elegante statua del Giovinetto, conservata al Museo Whithaker.

La necropoli

Oggi Mozia è protagonista di un intervento di riqualificazione e valorizzazione con un progetto finanziato dal Po Fesr Sicilia 2014-2020. Un intervento da 4 milioni e mezzo di euro complessivi, finalizzato al restauro archeologico e alla riqualificazione ambientale e paesaggistica, con l’obiettivo di promuovere lo sviluppo sostenibile nel settore turistico-culturale. L’intervento è suddiviso in tre parti: si comincia dai lavori di rilevamento topografico (già appaltati attraverso una manifestazione di interesse con base d’asta di 199.867 euro), per proseguire con la realizzazione di percorsi, sistemazione del verde e degli arredi esterni e l’attivazione della rete dati wi-fi (anche questi già appaltati con base d’asta di 999.700 euro), per finire con i lavori di restauro archeologico, attualmente in fase di appalto, con un bando che scadrà il 6 maggio prossimo.

Porta Sud

Lo scorso marzo la Soprintendenza per i Beni culturali di Trapani, beneficiaria del progetto, ha avviato la procedura di gara telematica per i lavori di restauro conservativo delle strutture archeologiche, con una base d’asta di 2.165.252 euro. Il restauro è incentrato sui mosaici presenti nell’isola, sulle strutture murarie in calcarenite e in mattoni crudi, spesso preservate per almeno un metro di altezza. Dal Tofet alla necropoli, dal Santuario di Cappiddazzu alla Casa dei mosaici, dalla casermetta alla Porta del Sud e al Khoton, i lavori saranno legati alla riqualificazione anche del paesaggio isolano, con la sistemazione dei percorsi di visita, migliorando i sentieri in terra battuta e creando un’adeguata segnaletica relativa non solo ai siti archeologici, ma anche alla fauna e alla flora.

Il Giovinetto

Alle esigenze di protezione e tutela di alcuni monumenti archeologici, particolarmente esposti alle intemperie, saranno coniugate quelle della produzione di energia da fonti rinnovabili: si prevede, infatti, la realizzazione di nuove coperture archeologiche. Il progetto prevede poi la predisposizione di un archivio informatico su base cartografica per la gestione dei dati archeologici territoriali, che possa funzionare da piattaforma per la comunicazione su vasta scala delle informazioni prodotte nell’ambito delle attività di ricerca archeologica sull’isola.

È previsto, infine, il posizionamento in punti strategici di alcuni cannocchiali Focus, per l’osservazione naturale assistita, con relativa banca dati ipermediale multilingue. Sarà attivato, infine, un servizio di bike-sharing, con due tipologie di mezzi, la classica bici a pedali e quella a pedalata assistita, tutte dotate di antenna gps ed equipaggiate con telecamera Gopro.

Hai letto questi articoli?
Articolo PrecedenteProssimo Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le vie dei Tesori News

Send this to a friend